advertisement

Come coltivare bergamotto

il bergamotto

Tra le produzioni largamente diffuse in Italia troviamo quelle di bergamotto. Per produrre un kg di essenza di bergamotto occorrono circa 200 kg di frutti e questo dato è quanto basta per capire quanti ettari oggi sono destinati alla sua coltivazione.

Non si dica quindi che gli agrumi più diffusi siano arance e limoni, in realtà ci sono chinotto, cedro e bergamotto che giocano alla pari dei primi.

Il bergamotto è largamente richiesto per la produzione in ambito cosmetico, soprattutto per il suo olio essenziale che è alla base di numerose miscelazioni. Vediamo insieme come coltivare al meglio la pianta.

coltivazione bergamotto
Pianta del bergamotto (Foto©Pixabay)

La pianta di bergamotto

Il bergamotto, o Citrus x bergamia, è un albero da frutto che appartiene al genere Citrus e alla famiglia delle Rutaceae. Questo albero dalle imponenti dimensioni può raggiungere fino ai quattro metri di altezza e una corona di pari misura.

I profumatissimi fiori che germogliano sul bergamotto sono di colore bianco, mentre le foglie sono coriacee e non cadono nemmeno in inverno.

Il vero protagonista di questa pianta è sicuramente il frutto, un agrume di dimensione variabile ma poco più grande di un’arancia. Il colore è giallo ma molto meno intenso del limone, caratteristica che rende immediata la differenziazione tra i due frutti. La buccia è liscia e spessa.

Coltivare bergamotto: quando e dove

In Italia il bergamotto è largamente diffuso ma quello che non è stato ancora detto è che la coltivazione è concentrata per la maggiore a Reggio Calabria. Questo perché la pianta risponde in positivo ai climi miti, alle estati calde e secche e agli inverni piovosi. È da escludere quindi che la coltivazione di bergamotto possa avere successo in zone dai climi rigidi, a meno che non si scelga di coltivarlo in vaso.

Il periodo favorevole per piantare un bergamotto è in primavera.

Terreno

Per una coltivazione di bergamotto priva di errori è importante scegliere il terreno adatto, questo è da ritrovare in suoli argillosi e calcarei che garantiscono all’albero il miglior nutrimento per lo sviluppo di olii essenziali. La scelta di terreni argillosi e calcarei consente anche di mitigare potenziali ristagni idrici.

albero bergamotto
Bergamotto albero (Foto©Pixabay)

Esposizione

Il bergamotto va coltivato in zone dal clima mite poiché mal tollera le gelate invernali. Per poterlo proteggere dagli inverni è importante che la sua esposizione sia riparata. Nel caso di climi troppo rigidi è consigliato coltivarlo in vaso.

Trapianto

Sebbene le imponenti dimensioni, il bergamotto è un albero delicato e il trapianto deve essere fatto in primavera per evitare un rischio gelate.

Anche il punto nel quale si sceglie di trapiantare l’albero è determinante per la riuscita della crescita. Una volta individuato uno spazio ben riparato è necessario scavare una buca profonda e inserire all’interno concime e letame. Una volta preparato il tutto la pianta va inserita all’interno, prestando attenzione che sia dritta, e richiudere la buca.

Irrigazione

La pianta di bergamotto richiede innaffiature regolari soprattutto durante i primi anni. Si consiglia la costruzione di un impianto a goccia se il bergamotto rientra in un frutteto, caso contrario si può procedere con metodi tradizionali.

È vero che la pianta richiede innaffiature regolari ma è importante che non siano eccessive, caso contrario il ristagno idrico potrebbe comprometterne la crescita. Pe prevenire sia la crescita di infestanti sia per ridurre la necessità di irrigare, è possibile praticare la pacciamatura.

bergamotto pianta
Pianta di bergamotto (Foto©Pixabay)

Concimazione

La pianta di bergamotto richiede alcune piccole attenzioni affinché la sua coltivazione sia di qualità. Tra questi passaggi bisogna annoverare la concimazione, pratica a cui va sottoposta la pianta annualmente con specifici fertilizzanti.

Da preferire sono quelli di origine naturale o minerale.

Fioritura

Questa pianta sempreverde registra la prima fioritura alla fine di marzo e prosegue fino ad aprile. Il periodo varia a seconda della varietà e i fiori sono di colore bianco.

Raccolto

Il bergamotto diventa un albero produttivo a partire dal terzo anno dopo la messa a dimora ma l’attesa iniziale verrà ripagata con il raccolto successivo che andrà avanti per oltre 25 anni e per più periodi all’anno.

I frutti variano a seconda della specie di bergamotto e la maturazione degli stessi è indicata dal raggiungimento del colore giallo. Per il raccolto del bergamotto si conosce anche la maturazione industriale, che cade tra dicembre e gennaio, ed è quella cioè in cui il frutto è pregno di oli essenziali e adatto alla produzione.

bergamotto cos'è
Frutto del bergamotto (Foto©Pixabay)

Come conservare bergamotto

La raccolta di bergamotto va poi conservata adeguatamente. La temperatura ideale affinché la conservazione sia ideale è quella di 8 gradi e per tale ragione si consiglio o un posto fresco, asciutto e lontano dalla luce o in frigoriferi. Il frutto mantiene le condizioni ottimali per circa 7 giorni fuori dal frigorifero e circa 14 all’interno.

Potatura e cimatura

Anche se le dimensioni potrebbero spingere a potature corpose, è importante che la potatura del bergamotto sia arginata ai tagli necessari. Questo passaggio deve quindi limitarsi ai soli rami secchi o tendenti al basso.

Moltiplicazione della pianta di bergamotto

Per coltivare il bergamotto è possibile sia acquistare un piccolo alberello in vivaio e trapiantarlo oppure attraverso la riproduzione da seme, che consente di ottenere una pianta uguale alla pianta madre. Per i meno esperti si consiglia però l’acquisto di un piccolo alberello.

Malattie e parassiti di bergamotto

Per evitare che la coltura si danneggi è importante prevenire alcune malattie dell’albero come la gommosi del colletto, che si sviluppa in seguito a un eccesso di umidità e si palesa in primavera con macchie umide sulla corteccia, o la fumaggine, che si manifesta quando le foglie sono coperte da una patina nerastra.

Tra i parassiti a cui prestare attenzione bisogna annoverare i tripidi, la cocciniglia cotonosa e la mosca mediterranea della frutta. Il consiglio è quello di intervenire con prodotto biologici.

bergamotto frutto
Frutto bergamotto (Foto©Pixabay)

Coltivare bergamotto in vaso

Come anticipato nei climi settentrionali il bergamotto può essere coltivato in vaso, così da essere protetto dalle gelate. In questo caso è necessario utilizzare un vaso di dimensioni notevoli e irrigare la pianta con maggiore frequenza durante il periodo estivo.

Consociazioni

La consociazione è utile nella tutela dell’ecosistema ed è determinante se si ha poco spazio a disposizione, poiché consente di inserire più varietà nello stesso posto.

Sebbene sia da escludere la vicinanza della stessa famiglia per consociazione, in questo caso le Rutacee, è possibile in realtà inserire più piante di agrumi, come limone, arance e chinotto, nello stesso spazio del bergamotto.

Proprietà e Benefici

Il bergamotto è largamente diffuso per la produzione di cosmetici e olii essenziali ma è anche un frutto commestibile e benefico per la salute. Lo confermano le sue note proprietà antinfiammatorie, antisettiche, balsamiche e cicatrizzanti.

È largamente utilizzato anche in aromaterapia poiché all’olfatto migliora lo stato d’animo, concilia il sonno ed elimina i blocchi psicologici.

bergamotto fiore
Bergamotto raccolta (Foto©Pixabay)

Varietà di bergamotto

Il bergamotto prevede diverse varietà tra i quali: il castagnaro, che si distingue per i frutti più grandi, di colore verdi e dalla buccia rugosa; il femminiello, una varietà più delicata e molto meno longeva il cui frutto è piccolo, liscio e giallo; il fantastico, la varietà di bergamotto più produttiva e longeva, i cui frutti sono riuniti in grappoli.

Curiosità

La prima curiosità è legata alla sua semina, un seme di bergamotto farà infatti nascere un arancio maro e non un albero dello stesso frutto. Oltre agli usi in cucina e officinali, il bergamotto è largamente utilizzato come deterrente per insetti, come detergente per ambienti e per l’aromaterapia.

Significato dei fiori: bergamotto

Il bergamotto nel linguaggio dei fiori è spesso confuso con il fiore di arancio (Zagara), fiore delle nozze e della verginità, in realtà al bergamotto è legato a tutt’altro significato e cioè all’amore puro.

Lascia un Commento

WordPress Lightbox Plugin